torna in home page

organizzazione


Nuovi numeri di telefono

Chiesa evangelica valdese di Pinerolo

 

 Pastore Gianni Genre tel. 0121.374.867 

  Diacona Alga Barbacini tel. 0121.378.132

 

Presidente del Concistoro 

Davide Rosso, e-mail: rosso.davide66@gmail.com

 

 

CONCISTORO

Le chiese valdesi sono rette da un organismo eletto dall'assemblea locale detto Concistoro o Consiglio di Chiesa. Il Concistoro è dal 1542 l'organo di governo caratteristico delle chiese evangeliche nate dal ramo della Riforma protestante detto calvinista, cioè da quello iniziato a Ginevra dal riformatore Giovanni Calvino. La Chiesa evangelica valdese s'inserisce in questa tradizione.

I pastori e le pastore non hanno alcun potere gerarchico e non si possono alcun modo considerare "capi" della chiesa locale. I loro compiti fondamentali sono la predicazione e la corretta amministrazione dei sacramenti (battesimo e Cena del Signore), oltre che la cura pastorale individuale. Sono nominati dall'assemblea dei membri di chiesa ed allo stesso modo possono da essa venire allontanati.  Nel personale iscritto  a ruolo nelle chiese valdesi vi sono anche i diaconi e le diacone, che hanno prioritariamente un compito di cura pastorale della comunità, della diaconia ma anche della predicazione e della corretta amministrazione dei sacramenti. Vengono generalmente inviati dalla Tavola valdese per far fronte alle esigenze del campo di lavoro. Dal 2014 a Pinerolo vi è una diacona, Alga Barbacini.

A costituire il Concistoro (o, nelle chiese più piccole, il Consiglio di chiesa) vi sono le persone elette dai membri di chiesa, detti "anziane" ed "anziani" che rimangono in carica per cinque anni e che non possono essere elette per più di tre mandati.

ASSEMBLEA DI CHIESA

L'assemblea dei membri della chiesa locale ha facoltà di deliberare sull'attività ecclesiastica locale ed elegge secondo criteri democratici i propri deputati alle assemblee superiori sino alla massima istanza dottrinale, disciplinare ed organizzativa della Chiesa Valdese, ossia il Sinodo, che si tiene ogni anno nell'ultima decade di agosto a Torre Pellice. Il Sinodo è unico ma siede in due sessioni separate: una per la zona europea e una per la zona rioplatense, l'altra metà della nostra chiesa, dove alcune famiglie valdesi emigrarono a metà Ottocento.

Oltre al Concistoro o Consiglio di chiesa e al Sinodo, vi sono anche l’assemblea di Circuito e la Conferenza Distrettuale. Ciascuna assemblea elegge a scrutinio segreto un suo organo collegiale che risponde ad essa direttamente ed ha funzioni direttive sue proprie in sede locale, regionale o centrale. Questi organi sono rispettivamente il Consiglio di Circuito, la Commissione Esecutiva Distrettuale (CED).

Tutte le cariche amministrative sono a termine. I membri della Tavola e delle altre Commissioni amministrative sono eletti annualmente, per un massimo di sette anni consecutivi. I membri dei Consigli di chiesa e Concistori sono eletti per cinque anni, per un massimo di tre volte (quindi quindici anni di servizio). I pastori e le pastore nelle chiese locali possono esercitare il loro ministero per un periodo di sette anni ripetuto due volte, quindi per un massimo di 14 anni. Tutti i membri di chiesa possono partecipare alle assemblee di chiesa. Il voto, attivo e passivo, è riservato ai soli membri elettori.

MEMBRI DI CHIESA 

Nelle Chiese valdesi si diventa membri di chiesa in diversi modi: si può essere membro comunicante, membro elettore, membro simpatizzante, membro aderente. 

È membro comunicante chi, “avendo confessata la propria fede in Gesù Cristo Signore e Salvatore, è ammesso alla santa cena in una chiesa locale e dà segni della sua obbedienza al Signore nella sua vita quotidiana”. I membri comunicanti compongono l’assemblea. È membro elettore chi, avendo compiuto il diciottesimo anno di età, ne faccia domanda al Concistoro o Consiglio di Chiesa, e assuma volontariamente una responsabilità diretta nella vita della Chiesa. È membro simpatizzante chi, pur non essendo membro comunicante o membro elettore, vive nell’ambito della Chiesa e si interessa all’annuncio dell’Evangelo come è promosso nell’ambito della chiesa locale, o ne frequenta il culto. Hanno poi parte nella Chiesa come aderenti quei membri di altre chiese evangeliche che partecipano regolarmente al culto e si valgono degli atti liturgici in seno alla chiesa.

CURA PASTORALE

La cura pastorale è il tessuto connettivo della vita comunitaria. Attraverso l’ascolto reciproco, l’accoglienza e la reciprocità, nei momenti gioiosi come in quelli tristi, è possibile ogni giorno rispondere alla chiamata che Gesù ci rivolgi come membri del suo corpo. La pratica di cura pastorale viene offerta in primo luogo dal pastore e dalla diacona, dagli anziani del Concistoro che offrono il loro accompagnamento spirituale.